Italia covo sicuro dei terroristi..perche ?

Cari italiani ,in questi giorni di clima natalizio mi state offrendo grandi doni prelibati di riflessione,ultima notizia di oggi l'uccisione del killer a sesto s. Giovanni,artefice del massacro  del mercatino tedesco..
Abbiamo sentito il nostro neo premier Gentiloni e il ministro dell'interno non so come si chiama,rivendicare e lodare con orgoglio le nostre forze dell'ordine e la straordinaria macchina della sicurezza italiana...
Fermo restando che mi associo anche io ai complimenti dei 2 agenti che di sono trovati CASUALMENTE a fronteggiaggiare con successo un evento imprevisto , consiglierei comunque prudenza  al premier e al ministro nel vantarsi e tessere le lodi dell'operato del governo e della macchina della sicurezza..
C'e' un vecchio detto che recita che si loda si imbrodola e in questo caso ci imbroglia anche,poiche lor signori dovrebbero iniziare a spiegarci come mai molti degli ultimi attentatori di mezza europa abbiano base nel nostro paese dal quale partono per compiere massacri nei vari paesi..ci dovrebbero spiegare come sia possibile che individui possano circolare liberamente sul suolo italiano senza documenti,senza neanche essere a conoscenza della loro presenza nel nostro paese,ci dovrebbero spiegare cone sia possibile che questi soggetti possano spostarsi liberamente da un paese all'altro per spezzare vite umane dopo essere stati assistiti e supportati nel nostro paese  in modo tale a cui nessun italiano in difficolta' puo' nemmeno lontanamente aspirare,e ci dovrebbero spiegare come mai una volta compiuti i loro delitti cerchino di rientrare in italia perche' lo ritengono il loro covo sicuro...
Ovviamente queste domande sono rivolte anche al marcio popolo buonista complice e reale colpevole di questo disastro realizzato per mezzo dei loro rappresentanti istituzionali che sostengono e acclamano per interessi partitici e clientelari...
Ultima piccola  riflessione...abbiamo ascoltato varie dichiarazioni sulla vicenda   di vari esponenti di partiti ,ognuno in linea con la propria ideologia ,ma m5s come sempre sulla questione non e' pervenuto ,non si esprime,sara' forse a causa che' e' troppo impegnato con cazzi e mazzi interni al movimento ,oppure perché' attende ancora di capire realmente da che parte sta la maggioranza del paese,per poi dire alla gente semplicemente cio' che vuole sentire per assicurarsi la maggioranza di consensi per puro interesse partitico e non nazionale ?
Un vero statista si comporterebbe in modo diverso ,direbbe alla gente cio' che pensa realmente sia necessario fare ,a prescindere che possa apparire bello o brutto,semplicemente perche' lo reputa necessario ,anche a costo di rischiare di perdere i consensi partitici ,un vero statista che ha a cuore il suo paese e' disposto anche ad inimicarsi una parte della sua base se necessario ,poiche' il sentimento verso il suo paese deve essere maggiore di quello di appartenenza partitica, ma purtroppo viviamo in un epoca in cui gli statisti sono stati detronizzati dai paraculisti che aspettano i  sondaggi per capire meglio cosa conviene dire per conservare il loro potere per esclusivo interesse personale

Commenti

Post più popolari